Eh si, non Madea rimasticata, non straniera, non Pasolini o Oscar ma Alice, una ragazzina di quasi sedici anni che mi ha colpito veramente e se hai due minuti ti racconto.
Quattro minuti, oggi ho voglia di scrivere e se non hai tempo archiviami o etichettami che mi leggerai dopo.
Le mail che scrivo per Boris sono un impegno, avrai fatto caso che non sono mai marketing puro cerco di non essere scontato, cerco di cogliere sempre il senso della storia cerco il modo migliore per esporlo e cerco di infilarci dentro sempre qualcosa di profondo ispirato dalla serata che possa far riflettere. Infatti, come un amico mi diceva, vanno lette sempre due o tre volte per capirle bene. Non è poi così banale. Per me è diventato un rito, una pratica come comincia Boris & Storiis accendo il fuoco e mi metto in recezione, cerco spunti guardo le cose cerco di captare segnali cerco di capire cosa sente la gente presente perché e anche a loro ( voi o te ) che poi devo rivolgermi e non posso inventarmi mica delle cazzate. Anche l’ altro giorno quando ho scritto “fuori tema “ c’era comunque un legame, l’aspettativa ecc ma non importa non c’entra.
Mi sono messo in recezione ma mi accorgo ora che era già da molto tempo prima della serata di domenica.
Una settimana che mi ha stancato molto :
Anna qui ospite con Gladis sua figlia poi raggiunta da Nonno e Nonna, L’amico di Anna, Alberto con sua figlia Alice che l’ha raggiunta pure lui per un po’ di giorni. Altri due amici con figlia e amica in vacanza per un po’ di tempo. Una festa di compleanno con vecchi amici cinquantenni che bevono e fumano ancora come un tempo . Abbiamo fatto le due e mezza di notte, l’inaugurazione di “Art in Farc” (installazioni nel bosco ) a cui anch’io all’ultimo minuto ho partecipato con una mia opera, domenica stessa che a mezzogiorno ho servito un tavolo di 20 persone “ fighetti di Udine “ che m’han demolito i ……comunisti.
Insomma son arrivato alla serata di Boris stanco con un freddo cane 8 gradi che neanche i più temerari (che non c’erano ) avrebbero resistito a stare all’aperto è la prima volta che non faccio il fuoco col bel tempo. Erano presenti una decina di clienti e altrettanti tra amici parenti e figli …..
“ Straniera ,“ Medea rimasticata, io, non l’ ho seguita, seguivo la forza, la vivacità, la bravura, impeto la teatralità di Anna ma avevo in testa Alice …….da più di qualche giorno Alice figlia di Alberto appunto gli amici di Anna.

Una ragazzina di quasi sedici anni dolce, pacata, composta, educata, brava a scuola. Non ha mai acceso i toni, in questi giorni si è seduta a tavola senza capricci senza pretese, interessata alle cose, disponibile, un sorriso composto, senza telefonino senza bisogno di connettersi ad un p.c. Il tutto per sua libera scelta In vacanza per quasi un mese con suo padre Alberto,in due, in giro per stare insieme . Alice, mi ha toccato il cuore fino a farmi piangere. Non mi vergogno, ho pianto perché mi sono chiesto quanto, quanto resisterà ancora allo schifo di questa società. Società che li vole tutti uguali sti ragazzi belli, scaltri, magri, che non accetta differenze anzi, le condanna. Ho visto cosa abbiamo intorno ,il caos il disordine i nostri ragazzi, piegati sui cellulari, viziati ,alla moda, truccati, profumati,annoiati, lontani dalle cose semplici con la coca cola in mano davanti a una televisione che offre modelli allucinanti con genitori che non sanno offrire un’ alternativa’ piatti. Tutti appiattiti alla ricerca del bello subito e senza sforzo con un mondo che ci sta crollando addosso, senza etica, senza onore, onestà, preoccupati solo d’apparire e d’arricchirsi.
E lei pacata, pulita ,non truccata, così diversa da tutto il resto che la circonda. Mi è sembrata un eroe

Sono corso in casa e come nel film balla con i lupi nel momento dell’addio ho cercato tra i cassetti un vecchio piccolo corno di cervo che tengo per i riti e le occasioni speciali con un indelebile ho scritto sopra “ fa che la calma sia la tua spada “ gliel’ho consegnato alla sua partenza senza riuscire, per l’emozione,a reggere il suo sguardo. Mi ha detto “ lo conserverò con vero piacere” sono tornato a far formaggio in lacrime.
Che lezione mi ha dato,
non cambiare Alice non cambiare.

Domenica 31
per restare in tema : “ Tempo da lupi “ con Michele Polo Ornella Luppi ( è coincidenza ) e la Famossima Serena Di Blasio.

Vedete di partecipare, vi aspetto Toni Zaro .

P.S
Anna grazie sei unica ti vogliamo bene da tutti noi mandi.

Privacy Policy