Buon giorno.Grazie Luca, una bella storia e poi, io amo la pietra.
Quinto, un sasso.Come faccio a raccontarvi la splendida storia che ho ascoltato di un sasso che quando era giovane giocava nel fiume con le ombre degli uccelli, che poi un giorno trasportato da anime lunghe è diventato sasso d’osteria.Dalla sua posizione,h a colto per una vita intera, i segreti di tutti, gli odori i canti le imprecazioni. Stando fermo lì ha saputo gustarsi ogni più piccola sfumatura accontentandosi di stare a guardare, non come me, non come noi che viaggiamo a una velocità troppo elevata, diversa da tutto il resto del mondo che ci circonda. Così, cogliamo ben poco.Saper guardare attentamente,saper ascoltare senza fretta,quando imparerò a farlo?
Le serate di Boris e Storis sono come un grosso mestolo che mi entra dentro e comincia a girare e gira gira e rimuove.
La prossima domenica, Barbara ci racconta e ci farà discutere :
il fedele Giovanni . Vi aspetto Toni.

Privacy Policy